Il progetto
×

Un giorno, tutto questo. È il tema del Salone Internazionale del Libro di quest’anno. Per raccontarlo, e per capirlo, abbiamo chiesto a moltissimi autori, amici e lettori del Saloon (piccoli e grandi) di riflettere sul mondo in cui viviamo e sul mondo che ci aspetta, e la cui forma dipenderà evidentemente anche da noi. Il futuro, infatti, non è scritto.

Ci avete inviato tantissime risposte. Alcune si possono leggere ogni domenica su «La Stampa», altre le troverete su quotidiani e riviste online, molte saranno infine visibili alle OGR dal 9 al 20 maggio 2018 per la mostra “Un giorno, tutto questo. Cinque domande sul futuro che ci aspetta”; ma tutte – e solo ora sono già più di mille – saranno raccolte qui, nella forma di testi, immagini, video e anche podcast realizzati grazie alla collaborazione con Audible, che ha affidato alla voce dei suoi narratori professionisti la lettura di alcune risposte.

Risposte diversissime tra di loro, come sono gli autori che hanno preso parte a questo grande progetto: scrittori, scienziati, saggisti, artisti, disegnatori, musicisti, registi, lettori e amici del Saloon riuniti tutti insieme in vero concerto di voci, una sciarada, una costellazione osservando la quale si può riuscire a capire qualcosa in più sul mondo, così mobile e complesso, nel quale ci troviamo a vivere.

Cliccando su 5 RISPOSTE potete leggere le risposte che sono arrivate per ciascuna domanda e confrontarle tra loro, oppure cliccate su AUTORI per approfondire le risposte di un autore, lettore o amico del Saloon. Se invece volete rispondere, vi basta dare un’occhiata più giù!


Il progetto editoriale #5domande è stato ideato da:
Nicola Lagioia, Paola Caridi, Ilide Carmignani, Mattia Carratello, Giuseppe Culicchia, Fabio Geda, Alessandro Grazioli, Giorgio Gianotto, Loredana Lipperini, Giordano Meacci, Eros Miari, Francesco Pacifico, Valeria Parrella, Christian Raimo, Lucia Sorbera, Rebecca Servadio, Annamaria Testa.
Idealmente con loro, Alessandro Leogrande.

Le risposte degli autori sono state raccolte da Paola Galletto.

I testi sono stati editati da dieci04, che ha realizzato questo sito con la collaborazione di Dude.

La mostra alle OGR è coordinata da Valentina Lacinio.
Display: Parasite 2.0
Studio grafico: CCN Studio

Grazie agli editori, agli autori che hanno partecipato e a tutti i lettori del Saloon che hanno risposto.
Buon futuro a tutti 🛸

Daniele Fissore

Savigliano (Cuneo), 1947-2017. Pittore.

Inizia come autodidatta una carriera artistica che durerà oltre quarant’anni. Nel 1975 partecipa alla X Quadriennale di Roma e nel 1976 alla Biennale del disegno di Milano. Nel 1980 si trasferisce a Londra, dove i suoi lavori convincono la critica inglese e gli valgono la concessione di uno studio dal governo britannico. Tornato in Italia, intensifica l’attività espositiva, con numerose mostre personali e collettive in varie gallerie, orientando le scelte pittoriche al tema del “green”. Nel maggio 2011, in occasione del 150enario dell’Unità d’Italia, viene inaugurato il progetto Eroica, un’installazione pubblica all’aperto di 560 metri quadri per il Nuovo Parco Dora a Torino.

Che cosa voglio dall’arte: libertà o rivoluzione?
La creazione artistica può bastare a se stessa? O deve porsi l’obiettivo di cambiare le cose? Libertà o rivoluzione: cos’è l’arte, e che cosa deve e può dare a tutti noi?

L’opera Opposizione è stata dipinta dall’artista piemontese Daniele Fissore nel 1974 in un contesto sociale e culturale ancora fortemente impregnato dell’atmosfera di contestazione e delle sue numerose contraddizioni.
Il dipinto fa parte della prima produzione dell’artista e vuole esprimere una forma di opposizione al clima dell’epoca al di là di qualsiasi ideologia politica.
Un individuo raffigurato di schiena nell’atto dinamico del movimento, è un individuo che sceglie di rifiutare quello che lo circonda privilegiando la sua libertà o è un individuo che realizza un atto rivoluzionario di protesta?
Un’opera d’arte che non dà risposte ma che stimola molte domande.

 

Autore: Daniele Fissore (1947-2017)
Titolo: Opposizione
Anno: 1974
Tecnica: acrilico su tela
Dimensioni: 120 cm x 80 cm
Proprietà: eredi Daniele Fissore